Fa parte di:

Archivio Manicomio dell'Osservanza

bb. 549, regg. 121 (1890-1950)

Il Manicomio dell'Osservanza di Imola viene costruito nel 1890 in seguito al bisogno crescente di posti letto del Manicomio centrale. Dal 1897 nel Manicomio sono ricoverati i pazienti provenienti da tutte le province, esclusa quella di Bologna. Nel corso degli anni, l'Osservanza, dovendo ospitare un numero sempre maggiore di pazienti, subisce lavori di ampliamento. Nel 1971 con l'istituzione dell'Ente ospedaliero, la gestione del Manicomio dell'Osservanza passa al neonato Ente.

Fondi archivistici

Archivio Manicomio dell'Osservanza, bb. 549, regg. 121 (1890-1950): cartelle cliniche, entrata e uscita pazienti  e documentazione amministrativa.
Archivio Manicomio, bb. 67, regg. 71, fasc. 1 (1812-1938): carteggio, libri mastri e materiale vario relativi all'Ospedale psichiatrico provinciale Luigi Lolli e al Manicomio dell'Osservanza.
Archivi Ospedale psichiatrico provinciale Luigi Lolli e Manicomio dell'Osservanza, bb. 6, regg. 139 (1871-1922): registri entrati e usciti e fotografie.

Provenienza: deposito Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola, 1985 e 2010.

Strumenti di ricerca

  • Archivio Ospedale. Manicomio. Inv. V/8. Elenco analitico, [1812-1938], a cura di Anna Rustici, 1964-1967.
  • Descrizione topografica sommaria degli archivi degli ospedali e degli enti assistenziali di Imola, a cura di Pierangelo Bellettini, ds., 1985.
  • Inventario sommario degli archivi degli ex ospedali psichiatrici Osservanza e L. Lolli, a cura di Federica Cavina, 2010.  

Bibliografia
Matteo Banzola, Il manicomio modello: il caso imolese. Storia dell'ospedale psichiatrico (1804-1904), Imola, La mandragora, 2015.